Principio di esaurimento nell’ambito di una rete di distribuzione selettiva di prodotti di lusso

Start-up

Nell’ambito della distribuzione selettiva regolato dall’art. 1, lett. e, del Regolamento Europeo n. 330 /2010 (che riprende, nella sostanza, quanto indicato nell’art. 1, lett. d, del Regolamento Europeo n. 2790/99), il “principio di esaurimento del marchio” non può essere ristretto o vanificato da restrizioni contrattuali. Da ciò consegue che la violazione di un contratto che stabilisce limitazioni alla successiva immissione in commercio costituisce, in linea generale, solo un inadempimento contrattuale.

Tuttavia, l’esistenza di una rete di “distribuzione selettiva” conferisce al titolare di un marchio di prestigio un diritto di utilizzo esclusivo particolarmente “forte” in ragione del quale può vietare al licenziatario (esperendo non solo l’azione contrattuale di inadempimento bensì quella di contraffazione) e ai terzi che da questo abbiano acquistato, di vendere i prodotti contrassegnati dal segno distintivo quando, trattandosi di un prodotto di lusso o di prestigio, le condizioni di vendita possano determinare, in ragione di un accertamento da compiersi caso per caso e in concreto alla luce dei criteri indicati dalla stessa Corte di Giustizia, un pregiudizio anche solo potenziale per l’immagine di lusso o di prestigio collegata al marchio.

Con Ciò,  il  Tribunale di Milano il giorno 11 Gennaio 2016, ha assunto una posizione aperta, aspettando comunque altre pronunce.

 

 

Autore
Vuoi seguire?

Gianmarco De Falco

De Falco Gianmarco è un Praticante Avvocato del Foro di Nola (NA). Collabora presso lo Studio Legale Nazionale Guarino&Associati, specializzato in Diritto Civile, Fashion Law e Diritto della Proprietà Intellettuale ed Industriale. Ha acquisito, inoltre, il Titolo accademico presso l'Università Federico II di Perfezionato In "Legislazione Penale Minorile" con votazione eccellente. Esperto in Diritto Sportivo. Redattore anche presso altre Riviste Giuridiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il Diritto d'Autore e la SIAE

21 febbraio 2017

Il Diritto d’Autore e la SIAE Il diritto d'autore è il diritto che spetta all'autore di un'opera dell'ingegno di poter disporre della propria opera...

Investire nei micro ortaggi

03 gennaio 2017

Cosa sono I micro-ortaggi (dall’inglese microgreens), giovani e tenere plantule commestibili di specie orticole, colture erbacee, piante spontanee e...

Perchè registrare un Marchio?

22 maggio 2017

Premettendo che i diritti su un segno utilizzato come marchio per contraddistinguere prodotti o servizi non si acquisiscono per forza di cose tramit...