E-commerce e la sua Normativa

Start-up

Scoprire il Mondo dell’E-commerce è utile, non solo per gli sbocchi commerciali che possono aprirsi, ma anche per comprendere fino in fondo il mercato in cui si inserisce. Innanzitutto è necessario distinguere tra e-commerce che vendono solo ad aziende e e-commerce che vendono (anche) a privati, perché nel primo caso il testo di riferimento è il D.Lgs. 70/03Art. 7, mentre nel secondo caso a tali obblighi si aggiungono quelli dati dal Codice del Consumo e, in particolare, si fa riferimento all’Art. 49 del Codice del Consumo. Nel dubbio è consigliabile applicare le disposizioni del secondo, in quanto più restrittive.

In sostanza l’Art. 49 del Codice del Consumo stila una lunga lista delleinformazioni che devono assolutamente essere indicate al consumatore prima che questi effettui l’acquisto. Vi segnalo in particolare i punti che più frequentemente risultano mancare negli e-commerce:

  •  il prezzo complessivo del bene, includendo le tasse e tutte le spese extra (se queste spese non possono essere calcolate in anticipo è necessario indicare che potranno essere addebitate al consumatore). Il consumatore non è tenuto a pagare le spese delle quali non era informato;
  •  le modalità di pagamento e consegna, la data entro la quale i beni saranno consegnati;
  •  condizioni, termini e procedure per esercitare il diritto di recesso (dove sussiste);
  •  eventuali costi di reso a carico del consumatore.

Vi sono poi degli obblighi informativi anche per quanto riguarda le comunicazioni commerciali (regolamentate dal D.Lgs. 70/03 agli articoli 8 e 9), queste infatti devono sempre indicare:

  •  il fatto che si tratta di una comunicazione commerciale;
  •  per conto di chi viene effettuata la comunicazione commerciale;
  •  le condizioni per accedere all’offerta promozionale o per partecipare nel caso si tratti di concorsi o giochi.

Il D.Lgs 70/03 parla anche delle informazioni dirette alla conclusione del contratto (Art. 12), ovvero tutto ciò di cui il consumatore deve essere messo a conoscenza prima dell’inoltro dell’ordine.
Anche in questo caso l’articolo è una sorta di checklist, contenente le informazioni da includere nell’ultima schermata precedente l’acquisto.
Attenzione: non si tratta delle informazioni generali di vendita ma di ulteriori informazioni di cui l’utente deve essere messo a conoscenza prima di effettuare l’acquisto (tipicamente riportate nella pagina di checkout).
Queste informazioni sono:
a) le varie fasi tecniche da seguire per la conclusione del contratto;
b) il modo in cui il contratto concluso sarà archiviato e le relative modalità di accesso;
c) i mezzi tecnici messi a disposizione del destinatario per individuare e correggere gli errori di inserimento dei dati prima di inoltrare l’ordine al prestatore;
d) gli eventuali codici di condotta cui aderisce e come accedervi per via telematica;
e) le lingue a disposizione per concludere il contratto oltre all’italiano;
f) l’indicazione degli strumenti di composizione delle controversie

Ma cosa succede a chi non adempie?
L’Art. 21 del D.Lgs 70/03 prevede sanzioni da 103€ a 10.000€ che possono essere raddoppiate in caso di particolare gravità o di recidività.
Ebbene sì, le sanzioni arrivano, nonostante i limiti tecnologici con cui spesso le autorità si trovano a dover lavorare.

Si può tuttavia incorrere in sanzioni anche più severe, com’è accaduto recentemente ad Easyjet, sanzionata dal Garante per 170.000€ per pratica commerciale scorretta (con riferimento in questo caso agli artt. 20, 21 lett. d e 22, comma 2, del Codice del Consumo). Precisamente: “l’Antitrust ha accertato che l’operatore pubblicizzava attraverso il proprio sito Internet una proposta promozionale a prezzi particolarmente vantaggiosi, senza rendere evidente in maniera adeguata al consumatore le effettive condizioni e limitazioni dell’offerta” .

Come avrete intuito le informazioni che è necessario indicare sono davvero tante e cozzano facilmente con temi quali l’usabilità, l’ottimizzazione del funnel di conversione e l’esperienza utente. Le sanzioni sono ancora sporadiche (quella ad Easyjet è avvenuta grazie ad una segnalazione di Ryanair, ad esempio) ma non è escluso che i controlli vengano intensificati in futuro. È consigliabile perciò “mettere in regola” il proprio e-commerce quanto prima.

Autore
Vuoi seguire?

Gianmarco De Falco

De Falco Gianmarco è un Praticante Avvocato del Foro di Nola (NA). Collabora presso lo Studio Legale Nazionale Guarino&Associati, specializzato in Diritto Civile, Fashion Law e Diritto della Proprietà Intellettuale ed Industriale. Ha acquisito, inoltre, il Titolo accademico presso l'Università Federico II di Perfezionato In "Legislazione Penale Minorile" con votazione eccellente. Esperto in Diritto Sportivo. Redattore anche presso altre Riviste Giuridiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il Diritto d'Autore e la SIAE

21 febbraio 2017

Il Diritto d’Autore e la SIAE Il diritto d'autore è il diritto che spetta all'autore di un'opera dell'ingegno di poter disporre della propria opera...

Investire nei micro ortaggi

03 gennaio 2017

Cosa sono I micro-ortaggi (dall’inglese microgreens), giovani e tenere plantule commestibili di specie orticole, colture erbacee, piante spontanee e...