“Made in Bologna” la prima piattaforma informatica del Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB)

Mondo

È “made in Bologna” la piattaforma informatica del Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB), la corte sovranazionale che avrà competenza sulle violazioni e sulle validità dei brevetti europei ed unitari, e che garantirà l’applicazione uniforme della legislazione sulla registrazione dei brevetti in Europa.

Si chiama Astrea ed è il Case Management System (CMS) realizzato da Net Service S.p.A., azienda bolognese specializzata nel settore ICT Legal, con il quale si è aggiudicata la gara europea per la fornitura del sistema.
Net Service fornirà, quindi, il cuore tecnologico della corte, che gestirà in modo esclusivamente telematico tutti i fascicoli e i processi.
Astrea è il sistema informativo che mette a disposizione degli utenti esterni, legali e aziende, le interfacce di accesso alle procedure legali per la tutela dei brevetti e fornisce agli utenti interni, giudici e funzionari, lo strumento gestionale avanzato per la trattazione dei casi, per la gestione della documentazione, per l’emissione e la conservazione delle sentenze. A livello europeo la Corte sarà la prima completamente telematica e garantirà a chi dovrà interagire con essa di poterlo fare esclusivamente on line. Ci si attende in tal senso anche una riduzione dei costi di gestione delle cause internazionali.
La gara di appalto del CMS, gestita dal governo inglese, ha visto oltre 50 partecipanti nel settore delle tecnologie e ha premiato le competenze di Net Service S.p.A. e la sua lunga esperienza nel settore dell’informatica giuridica nazionale ed internazionale. Da settembre 2016 Net Service si è qualificata anche su Digital Marketplace, l’equivalente del MEPA italiano per la PA inglese, per la fornitura di software e servizi nelle aree di Giustizia e e-Government centrale e locale.
Il Tribunale, che entrerà a pieno regime entro la fine del 2017, avrà la sede centrale a Parigi, sezioni specializzate a Londra e Monaco di Baviera e divisioni locali in numerose città europee, tra le quali Milano.
Il piano del Preparatory Committee prevede per maggio 2017 la data di inizio di validità dell’accordo internazionale (UPCA) e quindi dell’inizio del periodo di applicazione provvisoria della giurisdizione del Tribunale. In questa fase i proprietari di brevetti europei dovranno decidere se accettare la competenza della nuova corte o mantenere, per un periodo, la situazione attuale tramite l’opt-out.
Ora non resta che gli attori del settore brevetti italiano colgano quanto prima le opportunità offerte da questa nuova istituzione.

Autore
Vuoi seguire?

Gianmarco De Falco

De Falco Gianmarco è un Praticante Avvocato del Foro di Nola (NA). Collabora presso lo Studio Legale Nazionale Guarino&Associati, specializzato in Diritto Civile, Fashion Law e Diritto della Proprietà Intellettuale ed Industriale. Ha acquisito, inoltre, il Titolo accademico presso l'Università Federico II di Perfezionato In "Legislazione Penale Minorile" con votazione eccellente. Esperto in Diritto Sportivo. Redattore anche presso altre Riviste Giuridiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati